PRESENTATO "POMPONIO PALOMBO PICTOR"
UN LIBRO DI EDMONDO ANGELINI

Presso la Biblioteca Comunale, nel Palazzo Cardinale Domenico Jorio, è stato presentato, sabato 8 gennaio 2011, il libro, scritto da Edmondo Angelini: "Pomponio Palombo Pictor di Villa Santo Stefano". Un pregevole volume dedicato alla conoscenza dell'artista e mecenate del XVI secolo che esercitò prevalentemente a Priverno.

L'Assessore alla Cultura della Provincia di Frosinone Antonio Abbate

 

Voluto fortemente dall’Associazione Culturale "Pomponio Palombo", il libro è stato accolto nella collana "Opuscula Fossanovenzia" e stampato con il contributo di: la Provincia di Frosinone - Assessore alla Cultura Antonio Abbate, la Banca Popolare del Frusinate, l’Associazione Culturale "Gente di Villa", il Comune di Villa Santo Stefano e il "socio fondatore" Marco Felici.

Grande assente all'ultimo momento, purtroppo per motivi di salute, Edmondo Angelini, il quale ha lasciato la delega al Prof. Stefano Pagliaroli, presidente del "Centro Studi Fossanovesi" che nel libro ha curato il testamento di Pomponio Palombo, tradotto dalla sorella Lucilla mentre  il Prof. Cesare Bove ha portato al pubblico presente i saluti di Angelini.

 

EDMONDO ANGELINI (Fossanova 1934) è autore di fondamentali studi dedicati alla storia di Priverno in tutte le sue età e manifestazioni. Oltre a numerose sue collaborazioni a strenne e riviste –tra queste "Bollettino dell’Istituto di Storia e di Arte del Lazio Meridionale", "Città Comprensorio", "Gazzetta di Gaeta", "I Lepini", "Lazio Ieri e Oggi", "Lunario Romano", "periodico della Società Storica Comense", "Rassegna Storica Pontina", "Ricerca Folklorica"– e a saggi specificidi particolare interesse –tra questi: Hyeronimus Sermoneta, Latina 1983,; Antonio Babaccio da Piperno, Priverno 2000; Inventario dell’Abbazia di Fossanova nell’anno 1795, Latina 2008-, sono monumentali le sue monografie "Priverno patrimonio artistico, XII – XIX secolo", Priverno 1988; "Priverno nel Medioevo", Roma 1998; "Le Confraternite di Priverno. Storia, fede, società e arte, Latina 2007; "Un ‘genio’ sconosciuto della Roma barocca: Theodosio Rossi da Piperno, Fossanova 2010. (di Lucilla Pagliaroli)

Alla presenza di moli cittadini che hanno riempito la Biblioteca Comunale e di alcune autorità come: il Vicesindaco di Ceccano Nicolino Ciotoli, il Sindaco di Giuliano di Roma Aldo Antonetti con l’Assessore Adriano Cutonilli ed il Vicesindaco di Priverno Angelo Miccinilli.

Villa Santo Stefano, 8 gennaio 2011 - la fotocronaca della presentazione "Pomponio Palombo Pictor" di Edmondo Angelini

01_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
02_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
03_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
04_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
05_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
06_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
07_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
08_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
09_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
10_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
11_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
12_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
13_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
14_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
15_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
16_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
17_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
18_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
19_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
20_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
21_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
22_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
23_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
24_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
25_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
26_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
27_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
28_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
29_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
30_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
31_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
32_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
33_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
34_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
35_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
36_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
37_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
38_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
39_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
40_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
41_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
42_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
43_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
44_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
45_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
46_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
47_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
48_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
49_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
50_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
51_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
52_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
53_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 
54_pomponio_palombo_pictor_08012011.jpg
 

Ha aperto i lavori il Vicesindaco e Assessore alla Cultura di Villa S. Stefano Franca Colonia che ha ricordato di essere stata la prima persona a credere in questo progetto dell’Associazione "Pomponio Palombo" e di Edmondo Angelini.

Il Prof. Carlo Cristofanilli

Il microfono e passato, poi, all’Assessore Provinciale alla Cultura Antonio Abbate, architetto come lo è stato, anche, Pomponio Palombo, che si è dichiarato onorato di essere stato invitato alla presentazione del volume ed ha rimarcato l’impegno di favorire la riscoperta di personalità eminenti e la tutela della memoria storica della Ciociaria.

Franca Colonia

Antonio Abbate

Carlo Cristofanilli

     

Stefano Pagliaroli

Il "Libro protagonista"

Lucilla Pagliaroli

     

Giovanni Iorio

Cesare Bove

Angelo Miccinilli

 

E’ stata poi la volta del Prof. Carlo Cristofanilli, profondo conoscitore della storia locale, che già nel 1985 aveva pubblicato un importante articolo su Pomponio Palombo per la rivista "Terra Nostra", in occasione di un convegno sulla presentazione di un altro libro, scritto da Prof. Silvio Barsi ("Per una storia della scuola a Priverno - Il Collegio di San Nicola"), organizzato dalle amministrazioni comunali di Villa Santo Stefano e di Priverno.

A seguire l’intervento del Prof. Cesare Bove, già amministratore, docente, ideatore e Presidente del Museo della Matematica in Priverno, che ha letto un messaggio di saluto inviato dall’autore del volume Edmondo Angelini.

 

I relatori della presentazione, al microfono l'Assessore alla Cultura di Villa S. Stefano Franca Colonia

 

Il Prof. Stefano Pagliaroli, docente di filologia della letteratura italiana presso l’Università di Verona e Presidente del centro Studi Fossanovese, ha spiegato i motivi che lo hanno spinto a

 

 

Il manifesto dell'evento

curare la pubblicazione, in edizione critica, dell’importante testamento originale di Pomponio Palombo, datato 10 marzo 1592, soffermandosi anche sulla interessante menzione del miniatore attivo a Roma, Rutilio Ferrazzoli che per la prima volta, debitamente contestualizzato da Edmondo Angelini, ha ritrovato definitivamente la sua patria di origine: Maenza.

Il testamento tradotto dal latino dalla studiosa Lucilla Pagliaroli, dimostra in maniera chiara e incontrovertibile che il pittore nacque a Santo Stefano ed al suo paese rimase profondamente legato fino alla sua morte definendolo "Patria sua", offrendo ai giovani santostefanesi la frequenza gratuita alla scuola che verrà costruita a Priverno grazie al suo lascito.

La Prof.ssa Lucilla Pagliaroli, chiamata in causa, dopo aver parlato delle difficoltà della traduzione dal latino, si è soffermata sul lato umano del testamento citando, ad esempio, una parte di questo: "….inoltre ha legato e lasciato alla signora Porzia Testa, moglie del dottor Pietro Antonio Petra, un anello d’oro, che tuttora porta al dito e un cucchiaio e una forchetta d’argento con figure dorate dello stesso signor testatore…"

Il Vicesindaco di Priverno Angelo Miccinilli, nel corso del suo intervento, ha letto uno stralcio della delibera del consiglio comunale datata 1890, dove si evidenzia il cambiamento della intitolazione di una strada, già via S. Nicola, in via Pomponio Palombo, sempre a testimonianza dell’importanza dell’illustre cittadino anche nel loro Comune.

 

La lastra in ceramica "Sopportico Pomponio Palombo"

 

In chiusura dei lavori ha preso la parola il Sindaco di Villa Santo Stefano Giovanni Iorio che, dopo aver ringraziato i partecipanti e l’Associazione per la lodevole iniziativa, insieme all’Assessore della Provincia di Frosinone Antonio Abbate, ha scoperto la lastra ceramica incisa dallo scultore G. Marra con la scritta "Sopportico Pomponio Palombo", donata dall'Associazione omonima, assicurando tutto il suo impegno a livello istituzionale, per intitolare al pittore la galleria della Torre di re Metabo comunemente denominata "sotto la loggia" riparando, così, ad una dimenticanza durata oltre quattro secoli.

L’Assessore Franca Colonia, a nome dell’Associazione Culturale "Pomponio Palombo", ha ringraziato tutti i presenti e soprattutto: Edmondo Angelini, La Provincia di Frosinone Ass.to alla Cultura, i Comuni di Villa Santo Stefano e di Priverno, la Banca Popolare del Frusinate e l’Associazione Culturale "Gente di Villa" senza i quali non sarebbe stata possibile la pubblicazione del volume.

 

www.villasantostefano.com

16 agosto 2011

 
 

www.villasantostefano.com

PrimaPagina  |  ArchivioFoto | DizionarioDialettale | VillaNews