FRASI TIPICHE

 

M' fi i gls!:  mi fai il solletico! [dizione]

Auua Sarccu'!: evviva San Rocco! [dizione]

Ando u trnta u trentn': "Hai fatto 30, fai 31! Diamine!" (lett. Dove va il 30, va il

                                               31) (nel senso che hai fatto gi tanto, fai un piccolo

                                               sforzo in pi e si completa il tutto!) [dizione]

M sti a fa ghli ghli:  mi stai facendo il solletico [dizione]

Inna aioccu!:  vieni qua! [dizione]

Cllai ditt:  glie lho detto [dizione]

Faciam' un p t:  facciamo uno per ciascuno [dizione]

Abb'tton't' ss' pi'tt' cadd'mn a Sant' Si'ss': copriti con una maglia accollata che

                                                                         domani S.Sossio (modo di dire

                                                                         antico) [dizione]

Stattattint ca chd!:  stai attento che cadi! [dizione]

Nnsari allallrta!:  non si regge in piedi [dizione]

Sarait bn bn:  s arrabbiato molto [dizione]

Appona i lut:  riporre il lievito per unaltra impastatura [dizione]

N'nc' sta a dd uattma!: non stare a dargli fastidio! [dizione]

U darancqu:  sa di rancido (rif. ad alimento) [dizione]

A strt le cazztt:  preso da attacco epilettico (in senso fig.) oppure morto [dizione]

Ohi matr, figli mi!:  Oddio, ragazzo mio! (espressione di preoccupazione)

                                   (nel senso di che potresti essere mio figlio!) [dizione]

Lassa !:  lascia stare! [dizione]

A gli ti!:  il tuo! [dizione]

Sti rush abbambt:  sei di un colorito rosso fuoco [dizione]

Sti rush appccit:  sei di un colorito rosso acceso [dizione]

Sm' sct' urs' glim' istr': siamo usciti all'alba (modo di dire antico) [dizione]

Stngu accs:  (lett. "Sto ucciso") sono stanchissimo [dizione]

Accionght na cica, paccrlla!:  fermati un istante, per dinci! [dizione]

Sanfr'cit': caduto, caduto a faccia avanti [dizione]

C' sm' r'cundtt' agli' ui'spr': siamo ritornati verso le cinque di sera (Vespro) [dizione]

Tira p' itt' salut'k': tira, mena come se fossi un gatto selvatico (nel senso di non

                                   preoccuparti del danno che eventualmente arrecherai!) [dizione]

S cmbc zuzz:  dicesi, in tono bonario, ad un bambino colpevole di

                              qualche marachella [dizione]

Tcca t, b'n' figli mi'!: su, su, buon figlio mio! [dizione]

 

A s'nt' i r'llar'i' (r'llar'r'),

porta a pizza a patt' ca c' ngnn' npi'tt': suonato mezzogiorno, porta la (pizza)

                                                                  merenda a tuo padre che sente un languore

                                                                  allo stomaco (modo di dire antico) [dizione]

U mbar i Crd' agli' Apst'l' !: (lett."Vuole insegnare il Credo agli Apostoli") nel

                                                       senso che vorrebbe insegnare le cose a chi le sa

                                                       meglio di lui [dizione]

Sta a crna: sta piovendo pianissimo [dizione]

Sta a pi'u'l'c: sta piovigginando [dizione]

A pi'ut' c'l'ia: ha piovuto cenere [dizione]

N'nc' mbrma: non ci interessa [dizione]

Ma utta ff fr'g, u!: ma va va! che cavolo! (senso bonario di rimprovero) [dizione]

Ma utta a ff d nsaccccia!: ma va va! che cavolo! (senso bonario di

                                                     rimprovero) [dizione]

Chigli' ci it' a dd nsaccccia: quello gli andato a rompere le scatole,

                                                       lo andato a disturbare! [dizione]

Nzccm'nzqqund': (lett. "Non so n come e n quando"); significato: "non si sa

                                      n come, n perch"; viene utilizzato, solitamente, quando si

                                      racconta un'azione fatta da qualche persona nel senso di

                                      "...e quindi.... praticamente...." [dizione]

Nc' d u'r'nzia: non dargli retta, non dargli importanza [dizione]

Nz prpia!: Eh, come no! Eh, vorrei proprio vedere! (in senso di presa in giro,

                      ironico) [dizione]

Dacci' na cica d' ntr'tt'n'mnt': dagli un po' di compagnia (intrattenimento) [dizione]

M's' nn br'u'gna!: provo vergogna! mi vergogno! [dizione]

Cu'pr't' i cuglcui c f frdd'!: copriti l'ombelico che fa freddo!

Arcam' s' m'ngli': portami quel cestino (canestro) [dizione]

Cu'pr't' i cugli'cui' ca f frdd'!: copriti l'ombelico che fa freddo! [dizione]

 

DETTI POPOLARI

 

Quand' i pescator' prta i psc', s' ncontra G's Crist' n' gli' conosc'!: Quando il

             pescatore porta il pesce, (anche) se incontra Ges Cristo non lo riconosce

             (fa finta di non riconoscerlo)!

 

 

FRASI CELEBRI

 

Assppca s mngli ass stron:  rovescia il contenuto di codesto canestro dentro

                                                         allaltro canestro pi capiente! [dizione]

Gli u gli u ui' o gn' u?:  lo vuoi l'uovo oggi o non lo vuoi? [dizione]

Ngra s' ui'sti': porta al pascolo questi animali! [dizione]

S' sta a ff'nn i mnn': sta venendo gi un temporale spaventoso [dizione]

Mannm'c' da bua!: scommettiamoci da bere! [dizione]

M' smbr' n' r'ncru'ccu': (rif. a persona) mi sembri un coso tutto rincricchito! (ossuto,

                                       con le ossa che sembrano ammucchiate, un po' sporgenti,

                                       e rannicchiate, tipiche delle persone vecchie (In poche

                                       parole una figura sgradevole) [dizione]

Chigli' t n'cchi' fzz': quello c'ha un occhio storto (strabico) [dizione]